Gruppo Grotte Ariminum CAI RIMINI

Gruppo Speleo di Rimini e Dintorni.....

domenica 31 marzo 2019

Programma Uscite Speleologiche dei soci del GGA

Periodo Fino al 30 Giugno

Domenica 25 Novembre 2018--Grotta della Spipola (BO)

Mercoledì  28 Novembre 2018 Serata al CAI Con Renato-Sara e Fabio con foto e chiacchere dalle 

                                                   esplorazioni in Albania

Domenica 16 Dicembre 2018 ---Pozzi della Piana (TR)

Domenica 13 Gennaio 2019-------Grotta di fianco alla chiesa di Gaibola (BO)

Sabato 16 Febbraio 2019 --------Grotta del Chiocchio -Spoleto(PG)

Domenica 10 Marzo 2019-------Sasso della Civetta Sogliano S.R. (FC)

Sabato 6 e Domenica 7 Aprile 2019-------Due belle Grotte in Slovenia (da decidersi insieme dal libro                                                                     di Sedran)

Sabato 04 Maggio 2019---giornata alla falesia di Fondarca-Cagli (PU) per manovre Speleo all'aperto

Domenica 19 Maggio 2019------------Grotta di Acquasanta Terme (AP)

Sabato 01 Giugno 2019--------Bus della Genziana (TV)

Sabato 29 e Domenica 30 Giugno 2019----------Grotta del Corchia e Grotta Milazzo (LU)




sabato 30 marzo 2019

Programma Uscite GGA da Luglio dicembre 2019



Sabato 20 Luglio 2019------Tana della Mussina di Borzano-Albinea (RE)

Sabato 03 Agosto 2019 ---Grotta "Cesare Battisti" Zambana (TN) 

Domenica 04 Agosto 2019------Grotta Zona Trento

Domenica 01 Settembre 2019-------Pozzo a Ovest di Cà Siepe-Riolo Terme (RA)

DA LUNEDI 23 Settembre a Martedì  22 Ottobre "5° corso di Introduzione alla Speleologia"


Sabato 09 Novembre 2019-------Antro degli Orridi-Fivizzano (MS)

Domenica 01 Dicembre 2019-----Buca delle Fate di San Giuliano Terme (PI)

Sabato e Domenica 14/15  Dicembre 2019--------F10+Cena di natale da Ortali

domenica 10 marzo 2019

Sasso della Civetta 10 Marzo 2019

GUARDA TUTTE LE FOTO



Uscita Sociale del GGA in una delle più importanti cavità nella zona di Montepetra vicino a sarsina in una lingua di gesso che solca tutto il torrente formando diverse brevissime cavità.

come da catasto della federazione:

"Con 500 metri di sviluppo e 42 metri di dislivello la Grotta al Sasso della Civetta ubicata a sud-est della località Montepetra (Comune di Sogliano al Rubicone) è la cavità più estesa di quest’area. Essa si presenta come una lunga e relativamente ampia condotta sub-orizzontale. Nel tratto più a monte la cavità è costituita da due rami paralleli, distanti pochi metri, che si sviluppano alla stessa quota. 
Lungo tutto il percorso della grotta sono poi presenti morfologie di dissoluzione/erosione della roccia, caratteristiche di tutte le cavità gessose quali scallops, pendenti antigravitativi e canali di volta. 
Le pareti mostrano la successione degli strati gessarenitici e pelitici con diffusa e spettacolare presenza di strutture sedimentarie e diagenetiche che l’azione erosiva e corrosiva delle acque ha reso particolarmente evidenti.
Da segnalare infine che, durante i mesi invernali, sono presenti diffuse mineralizzazioni di epsomite nel tratto di grotta prossimo all’esterno."





sabato 9 marzo 2019

Voragine del Titano 09 Marzo 2019

GUARDA TUTTE LE FOTO

Dopo quasi due anni di intensi lavori si è conclusa la "missione" presso la Voragine,

Sabato 09 marzo un gruppo di "Pochi ma buoni" ha ritirato le trappole messe circa un mese prima per il censimento della vita in voragine commissionato dal Museo di scienze di San Marino.

La voragine è stata disarmata e a breve faremo una relazione dettagliata con tutti i lavori fatti alla Segreteria di Stato.

Presenti
Sara F.
Cristian
Marco
Andrea.


sabato 9 febbraio 2019

Prove materiali Sabato 09 Febbraio 2019




Lezione e test condotti al C.E.N.S. di Costacciaro(Pg) sabato 9 febbraio 2019

Grazie alla disponibilità di Luca Poderini e Francesco Salvatori.

Abbiamo svolto test diversi per misurare i carichi di rottuta. su corde usate senza nodi e con nodi in trazione con una macchina dinamometrica. Abbiamo inoltre testato differenti moschettoni. La cella di trazione per le corde garantisce una precisione tarata al millisecondo. Per i moschettoni la taratura è più imprecisa e si stima una tolleranza +/- 100kg.
Nei test su corda abbiamo appreso che più diminuisce il diametro della corda e più inciderà l’effetto del nodo sulla rottura. In media quando la corda è in tensione il deperimento con nodo è maggiore rispetto alla corda non annodata del 30-40%, mentre se si tratta di un cordino in kevlar, il deperimento può essere intorno al 60%. Abbiamo notato che a seconda della sporcizia e dell’usura il nodo può influire più o meno sul deperimento. Una corda molto usurata, testata con o senza nodo avrà una differenza di rottura minore che una corda nuova.
Ogni nodo presenta un carico di rottura differente, ma per fare i test si è deciso di applicare il semplice nodo delle guide che tra i nodi semplici è quello che genera il deperimento maggiore alla corda.
Il fattore che maggiormente incide sul deperimento di una corda da speleologia ben conservata è l’uso del discensore e il calore che esso genera.

1° test: Corda statica recuperata a -150m nella Voragine di San Marino, sommersa in detriti misti a guano, in ambiente umido. Diametro 10mm, anno di fabbricazione probabile 2003, marca non riconoscibile.
C.di.R senza nodo = 1433 kg       Rottura rapida con pochi scricchiolii.
Resistenza con nodo = 1179 kg
Deperimento = 17,7%


2° test: Corda statica recuperata a -100m nella Voragine di San Marino, in ambiente secco. Diametro 10,5mm, anno di fabbricazione probabile 2003, marca probabile Beal.
C.di.R. senza nodo = 1916 kg
Resistenza con nodo = 1455 kg
Deperimento = 24%


3° test: Corda statica del Gruppo Grotte Ariminum. Diametro 10,5mm, anno di fabbricazione 2015, marca Cousin
C.di.R. senza nodo = 1699 kg      Rottura immediata senza scricchiolii.
Resistenza con nodo = 1045 kg
Deperimento = 38,5%


 4° test: Corda dinamica recuperata in Albania, sotto cascata o stillicidio per diversi mesi all’anno in grotta dal 1998. Diametro inferiore a 10mm, anno e marca non riconoscibili.
C.di.R. senza nodo = 827 kg         Rottura lenta con scricchiolii numerosi.
Resistenza con nodo = 608 kg    Rottura lentissima.
Deperimento = 26,4%

            
 5° test: Corda statica recuperata nel ramo della Sala del tè all’F10 in ambiente umido e fangoso. Diametro 10mm, anno di fabbricazione precedente al 1995, marca non riconoscibile.
C.di.R. senza nodo = 1254 kg
Resistenza con nodo = 1139 kg
Deperimento = 9,2%
Note: La sporcizia ha ridotto lo scorrimento del nodo.


6° test: Corda dinamica recuperata nella Voragine di San Marino, utilizzata come cordino. Diametro 10,5mm, anno e marca non riconoscibili.
C.di.R. senza nodo = 1905 kg
Note: La rottura è stata molto lenta dopo numerosissimi scricchiolii e lo sfilamento e depolimerizzazione dei trefoli ben visibile. La calza si è sfilata molto prima della rottura definitiva dell’ultimo trefolo. Non abbiamo potuto testarla con nodo.
        


7° test: Longes in cordino dinamico da 9,5mm di diametro acquistata in marzo 2017 e usata in una trentina di uscite. Il test è stato fatto con due nodi guida con frizione applicando i tiranti all’asola del delta e all’asola della longe corta.
Resistenza con nodo = 1195 kg


8° test: Moschettone in acciaio con ghiera rinvenuto nella voragine a San Marino. Tenuta iniziale 2600 kg. Anno di fabbricazione precedente al 2003
C.di.R. = 3265 kg
     

9° test: Moschettone ovale in lega con ghiera rinvenuto nella voragine a San Marino. Tenuta iniziale 2200 kg. Anno di fabbricazione precedente al 2003
C.di.R. = 2255 kg


10° test: Moschettone ovale in lega con ghiera rinvenuto nella voragine a San Marino molto mangiato,  la parte lunga consumata del 30%. Marca, anno di fabbricazione e tenuta iniziale sconosciuti.
C.di.R. = 1838 kg
           
          
11° test: Maglia rapida in acciaio da 8mm rinvenuta nella voragine a San Marino
C.di.R. = 3040 kg


 12° test: Discensore a otto in lega mai usato, marca Lixada, tenuta iniziale 35KN=circa 3500kg
C.di.R. = superiore a 4857 kg
Non abbiamo dati definitivi perché la macchina dinamometrica non supera i 5000kg di trazione. Il discensore si è deformato ma non si è spezzato.
----------------------



Per scaricare il libro giallo del CENS http://www.speleocrasc.it/files/1989ResistenzaMateriali.pdf

mercoledì 16 gennaio 2019

Grotta di Fianco alla Chiesa di Gaibola (BO)

13 Gennaio 2019

Uscita ufficiale GGA
presenti:
Sara-Sara M-Danny-Cristian-Vito-Renato e Chiara di Ferrara.

Grotta nei gessi Bolognesi di notevole interesse sia geologico che archeologico, nel corso degli anni sono stati ritrovati resti di anfore e anche reperti umani alcuni dei quali in una sala (sala della sepoltura) vi erano stati messi proprio come sepoltura, evidentemente c'era un ingresso che nel tempo si è chiuso.

Gli ambienti visitati erano abbastanza stretti formati da cunicoli con il soffitto finemente levigati.

GUARDA TUTTE LE FOTO



domenica 6 gennaio 2019

Grotta di Pasqua Montescudo Rimini

Come consuetudine anche quest'anno in inverno ci siamo fatti un giretto nella geologicamente bella grotta di Pasqua, esattamente abbiamo fatto la traversata,
La grotta è sempre bella e anche se l'abbiamo fatta più volte è sempre un buon allenamento per imparare a muoversi in grotta.
Bravi anche 3 degli EX allievi che sono andati alla grande.

GUARDA TUTTE LE FOTO